Oggi, sabato, siamo impegnati con una classe della III media in visita al Gianicolo. Abbiamo voluto favorire questa uscita per consentire una passeggiata all’aperto a ragazze e ragazzi ancora bloccati nelle uscite scolastiche. Vengono di sabato con i genitori, in intesa con la nostra associazione che sanno ben disponibile alle visite sui luoghi storici anche in orari extra scolatici. Una bella partecipazione, aperta e simpatica nonostante i limiti del distanziamento e delle mascherine.

Reazioni allegre e imprevedibili, tipo quella volta a dividere gli alunni in due gruppi -proprio per favorire il distanziamento-: la preferenza degli alunni si è orientata a formare un gruppo maschi e un gruppo femmine… Abbiamo resistito un poco…pensavamo fosse antica questa suddivisione, e invece no!

Un’allegra brigata, da sinistra : Massimo Capoccetti, Enrico Luciani, Daniela Donghia, Manrica Savelli, Stefania Aldini, Chiara Gili

Un’allegra brigata, da sinistra : Massimo Capoccetti, Enrico Luciani, Daniela Donghia, Manrica Savelli, Giacomo Bucolo, Chiara Gili, Stefania Aldini

 

Please accept YouTube cookies to play this video. By accepting you will be accessing content from YouTube, a service provided by an external third party.

YouTube privacy policy

If you accept this notice, your choice will be saved and the page will refresh.

Lo sparo del cannone sorprende sempre…

Nella mattinata tanti appuntamenti, riguardanti peraltro alcuni temi che sosteniamo da tempo, con riunioni alle quali partecipiamo in parte, visti i nostri tanti impegni diretti nella giornata.

Li citiamo: quella dei Comitati di quartiere XII Municipio per il Casale via San Pancrazio (casetta garibaldina) cui Luciani si deve sottrarre per correre all’isola tiberina (ma seguirà un incontro in streaming martedì prossimo con il Municipio XII e tutte le associazioni), poi quella politica di Athos De Luca contro il ritardo del restauro del monumento di Garibaldi prevista a mezzogiorno, e infine quella dei ragazzi di Goffredo Mameli volta a richiedere al Municipio I il ripristino della palina toponomastica alla Scalea del Tamburino (Domenico Subiaco), e pure la ricollocazione proprio lì di una panchina, antico riferimento per appuntamenti amorosi, ma ancor oggi necessaria come punto di riposo: dopo tante scale …